condivisione

Le immagini qui contenute sono frutto del mio lavoro. Se volete condividerle o per uso privato, usatele liberamente; per la pubblicazione, invece, scrivetemi. Grazie della correttezza!

Sharing one's own creations on the web assumes fair play on the other side. If you wish to use the images for private use, feel free to do so; for publication, please contact the author! Thank you!

lunedì 25 settembre 2017

Con Ars et Natura in Finlandia- secondo giorno

9 settembre. 
A casa di Fabrizio e Patrizia...il capanno più confortevole del mondo!

Da oggi, e per molti giorni, questa vista dal finestrino sarà la più familiare. Motivo per cui, allestita ieri la mostra, avendo del tempo libero ci precipitiamo a casa di Fabrizio,a 50 km. da Kuusamo.
La casa è immersa nel verde, a due passi dal grande lago Kitka.
Molti di noi la conoscono bene; ci ha ospitati altre volte, col suo calore fisico e umano. Sono passati da queste rosse pareti decine di naturalisti italiani, fotografi, appassionati. Le erbe sono rigogliose, le giornate ancora lunghe; l'autunno (ruska) ancora non è esploso.
Palle di grasso, semi, bacche del sorbo degli uccellatori, a un metro dalla grande finestra del soggiorno della Casa dei Due Cieli, attirano picchi, scoiattoli, verdoni, fringuelli, passeriformi vari. Non perdiamo tempo...
i miei schizzi di scoiattoli

Poi smette di piovere, e si esce. Il vento sul lago è forte; c'è una coppia di cigni. Alcuni preferiscono fare un giro a piedi.
Ma io no: ho portato le matite pastello e intendo usarle! Sono ben coperta, e mi insedio nel piccolo capanno da birdwatcher che Fabrizio ha costruito sul lago. Non proprio comoda: in ginocchio, con la pioggia a vento che riprende ed entra dritta dalla finestra...



Se qualcuno si fosse affacciato, avrebbe pensato che stessi pregando in una cappella? In un certo senso, ero in adorazione.
La forza immensa degli elementi mi ha sempre dato tanta meraviglia; in questo caso il Kitka, già disegnato in altri momenti calmo come uno specchio, o innevato, era oggi sferzato dal vento che creava onde geometriche, dure e affilate. 
Il cielo cupo dava al lago un colore livido, ma davanti al capanno, le graminacee disegnavano archi caldi e flessibili. 
Un contrasto eccitante.Irresistibile.

Matite pastello su carta colorata.
Non ho potuto fare un lavoro maturo, in poco tempo e in posizione decisamente scomoda; ma mi riprometto di rifarlo, per creare un ritmo più naturale e meno "carta da parati".

Pomeriggio: l'inaugurazione della mostra Magic of Kuusamo!
Tornati al college per cambiarci e renderci presentabili, ci siamo recati al Hannu Hautala Nature Photo Centre. 
Contemporaneamente al nostro vernissage, inaugurava nella sala adiacente la mostra fotografica di Juha Taskinen, un fotografo e documentarista che ha passato 40 anni a studiare le foche del Lago Saimaa, in Lapponia. Toccante il suo film, dedicato a questa specie unica e in pericolo.


Il pubblico è stato numeroso e attento, sorpreso di trovare disegni , pastelli e dipinti nel tempio della fotografia naturalistica! Unico fotografo del nostro gruppo, Renato Cerisola, ha una tecnica talmente personale che le sue foto sembrano opere pittoriche...
Queste sono le mie 5, tra chine, acquerelli e pastelli.
In basso a sinistra lo stesso Lago Kitka del pastello, dipinto a marzo 2016...una distesa innevata e gelata.
E la sera, party di benvenuto offerto dal College, con salmone, muikku (piccolo pesce di lago) e delicatezze finniche, ottime.

domenica 24 settembre 2017

Con Ars et Natura in Finlandia-primo giorno

Dopo alcuni viaggi nella Finlandia del Nordest, in particolare nell'area di Kuusamo, ai confini con la Russia, sono tornata insieme agli amici e colleghi di Ars et Natura in questo settembre 2017, per portare la mostra degli originali pubblicati nel bel libro d'arte Kuusamon Taika (Ed. Wild'Art- Pandion).

Promotore di questo progetto l'amico straordinario Fabrizio Carbone, scrittore e documentarista di natura, innamorato di quest'area del mondo tanto da comprarci casa e intessere una profonda amicizia con Hannu Hautala, fotografo di natura tra i più noti, a cui è intestato un Centro per la foto naturalistica a Kuusamo, dove vive e lavora.
Eccolo nella foto di gruppo dove io scompaio dietro al suo braccio...in primo piano Hannu, con la camicia a scacchi rossi e neri.

Il gruppo di questo viaggio è composto da Alessandro Troisi,il guru di Ars et Natura; Marco Preziosi, Federico Gemma, Elisabetta Mitrovic, Fabio Ascenzi, Alessandra Cecca, Renato Cerisola. Tutti naturalisti, illustratori scientifici, pittori col pennello, o con la fotocamera, come Renato. 
Ci accompagnano anche Guido e Luca, marito e figlio di Elisabetta.

Scriverò questo post come un diario di viaggio, partendo dal 
 7 settembre. Arrivo a Rovaniemi.
Io, Fabio e Anne facciamo il viaggio in poche comode ore, con un transfer trafelato a Helsinki.
Ci viene a prendere Alessandro con il pulmino fornito dall'organizzatore Kari Kantola, rettore del Kuusamo Art College. Il tempo è bellissimo, e speriamo che le nefaste previsioni del tempo si siano sbagliate...
 Con lui Marco e Alessandra,arrivati il giorno prima, e che carinamente sacrificano il poco tempo che trascorreranno in Finlandia,solo 4 giorni, per fare i quasi 400 km a/r da Kuusamo a Rovaniemi.
Il fatto è che l'aeroporto di Kuusamo ospita pochi voli , mal collegati con Helsinki.
Durante il viaggio, ci fermiamo a una diga con impianto di piscicoltura, dove un giovane falco pescatore si esercita tuffandosi a più riprese, ma senza successo. E' lontano: lo osserviamo con il binocolo.



 E questo è il bellissimo tramonto cui assistiamo a metà percorso: il sole ci saluta. E anche noi...
Non lo vedremo più, nei 10 giorni a venire.

Ci aspetta una cena deliziosa al ristorante Martina; nel frattempo anche Elisabetta, Guido, Luca e Federico , che hanno fatto il lungo viaggio in macchina da Helsinki, ci hanno raggiunto, e anche Renato, giunto a Kuusamo in mattinata. Il gruppo è quasi al completo.




Primo giorno, 8 settembre: si allestisce la mostra...

Avete mai allestito una mostra? Se si, ne conoscete lo stress.
Aprire i pacchi che ci eravamo portati come bagaglio, e verificare l'assenza di danni, è stato il primo passo.
Fabio e Marco al lavoro


Eravamo in tanti, e ben seguiti nel Hannu Hautala Nature Photo Centre da Jaari e il suo staff, ma avevamo poco tempo. 
Problemi ce ne sono stati, di vario genere.
Comunque, affannandoci e risolvendoli progressivamente, e grazie al nostro collaudato affiatamento ed esperienza, ci siamo riusciti.
Alessandro sistema i faretti
E' una responsabilità, soprattutto quando hai tra le mani i lavori di chi non è potuto venire, come Stefano Maugeri, Graziano Ottaviani e Massimiliano Lipperi, oltre a quelli così ispirati di Fabrizio Carbone che, pur essendo già sul posto da tempo, perché ha una casa nei dintorni, era bloccato da un forte mal di schiena. 

Tutti dovrebbero essere valorizzati allo stesso modo, ma talvolta gli spazi non lo consentono, e allora si decide in base al formato, al tema, all'illuminazione.
Opere di Federico Gemma ed Elisabetta Mitrovic

Il programma, serrato, prevede alle 12,00 al Kuusamo-Opisto (il College dove siamo alloggiati, specializzato in corsi d'arte e artigianato) una proiezione di documentari tra cui "L'uomo di Kuusamo", diciamo il  punto di partenza di questa love story di Fabrizio con la natura Finlandese, 25 anni fa, e il suo cantore per immagini, Hannu Hautala.
Questo documentario, da lui realizzato per la Rai, descrive il lavoro di Hannu in pieno inverno, nella taiga immacolata e silente, con le cince siberiane che gli vengono a mangiare in mano...
Alla fine della proiezione, Fabrizio racconta l' incredibile parabola che ha portato italiani e finlandesi, infine, a incontrarsi sul terreno della Natura in questo progetto comune. 


Divenuti amici, ecco i magnifici cinque che hanno reso il progetto possibile e che devo ringraziare per avermi voluta a bordo:
Kari Kantola, Patrizia e Fabrizio Carbone, Hannu e Irma Hautala.


E poco dopo, si torna velocemente al Kuusamo Hall per la cerimonia di apertura del Kuusamo Nature Photo Festival , evento molto affollato, dove abbiamo uno spazio, sia con i poster della nostra mostra, che con una breve presentazione di Fabrizio, appoggiato ai bastoncini da trekking.



E questo è solo il primo giorno..!

sabato 2 settembre 2017

" Scopri la natura nelle isole dell'Arcipelago Toscano"

Con grande felicità e soddisfazione ho sfogliato, due settimane fa, la guida naturalistica scritta da Franca Zanichelli -direttore del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano- e interamente illustrata da me.
Non sono molti i miei lavori monografici, e non capita spesso che la stampa -Edizioni ETS- sia perfetta!
Il grafico Alessandro Troisi, con certosina pazienza, è riuscito a impaginare le 528 illustrazioni e i testi e sottotesti anche nelle tre lingue straniere- inglese, francese e tedesco- in cui è stato tradotto il manuale.
Eccoci contenti all'Isola d'Elba, con il prezioso manuale in mano!
Alessandro Troisi, Franca Zanichelli ed io

La visita all'Elba è stata motivata anche dalle presentazioni che il Parco ha organizzato con i bambini, i destinatari del manuale. 
La loro curiosità e la loro sorprendente competenza , in certi casi, ha reso frizzanti e animate le presentazioni. 
Eravamo sbalorditi dalle risposte da esperti che alcuni bambini 
hanno dato ai quiz naturalistici. 



Ancora più felice sono stata quando, presi i libri che il Parco dava in omaggio a scopo promozionale, i bambini si mettevano a sfogliarlo con grande attenzione, anche utilizzandolo subito quando avevano sottomano delle conchiglie!


Ma insomma vediamo un pochino il manuale e la sua genesi, 
molti mesi fa...A dicembre 2016, quando Franca mi ha chiamata per propormi il progetto, ne sono stata molto contenta; ma stavo vivendo un momento molto difficile: mia madre aveva appena avuto un ictus, che l'ha inesorabilmente portata alla morte, nel giro di dieci mesi.
La prima data di scadenza era troppo ravvicinata, ma mi sono buttata a corpo morto al lavoro, producendo i bozzetti e i definitivi fin dove potevo, nel frattempo stando vicino a mamma.



A un certo punto il lavoro è stato sospeso, e l'ho potuto riprendere solo dopo il funerale. Mia madre, artista completa, mi ha sempre incoraggiata e seguita fin da bambina; ha visto nascere questo taccuino, ma non ha potuto vederlo terminato. 
Nel mio cuore lo dedico a lei.

Quindi la copertina, la tavola più difficile, subito intuita: presentare ai bambini la biodiversità dell'Arcipelago,  quindi l'Isola del tesoro,
 o meglio il tesoro dell'isola: un baule pieno di meraviglie naturali, da aprire e scoprire. Come il libretto.
L'idea è piaciuta al primo colpo.
prima bozza

seconda bozza

definitivo
Il taccuino, di 80 pagine, è costituito di poco testo e tanti disegni, intuitivi; diviso tra Terra e Mare e suddiviso in 8 habitat, seguiti dalle rispettive tavole botaniche o faunistiche.
Rubo le foto di Fabio Cianchi, responsabile Oasi WWF Maremma,che ringrazio, riservandomi di avere tempo per fare le mie in seguito.





Il taccuino è distribuito al prezzo di 5 € negli Info point del Parco, all'Elba.
E' tradotto anche in inglese, francese e tedesco.

mercoledì 24 maggio 2017

La Natura in Maremma- Mostra Aipan- Finissage 30 giugno

Dal 2 al 30 giugno 2017 a Castiglione della Pescaia presso la Casa Rossa Ximenes alla Riserva Naturale Diaccia Botrona, si è tenuta la mostra dei pittori naturalistici dell'Aipan, l'Associazione Italiana per l'Arte Naturalistica, della quale faccio parte dalla sua fondazione nel 1999 e di cui sono Consigliera. E' una piccola realtà; il livello è ottimo, ma il tempo e le energie per coinvolgere altri artisti naturalisti e programmare eventi è scarso.

Si sono svolti con successo i Workshop di Disegno Naturalistico per ragazzi e adulti nei giorni 3 e 4 giugno 2017 , a costo simbolico, sempre presso la Casa Rossa Ximenes. Lavorare con i bambini mi da' sempre molta gioia; hanno entusiasmo, curiosità e una prontezza di esecuzione che permette loro di realizzare tanti disegni in poco tempo.

E' stato bellissimo esporre nel bel mezzo di una splendida Riserva, anche se sofferente per la siccità, e incontrare amici e colleghi, poter fare la gita in barchino con la Coop. Maremmagica per vedere più da vicino i fenicotteri e le avocette, dipingere gli scorci della Casa Rossa oppure, al mattino, sulla rovente duna le meravigliose piante come l'eringio e l'euforbia marittima, avere momenti conviviali con i colleghi e amici ritrovati come la straordinaria illustratrice naturalista Lucia Brunelli, maremmana doc; sono esperienze che fanno bene all'anima oltre che agli occhi.



A cena con Alessandro Sacchetti, Maria Elena Ferrari, Alessandro Troisi, Lucia Brunelli e Roberta Margiacchi di Maremmagica.








l'angolo dello shop, dove i visitatori hanno potuto acquistare stampe e taccuini, un importante e concreto autofinanziamento


Limicoli dipinti e anatidi modellati insieme...
Due miei lavori

Il meraviglioso panorama della Diaccia Botrona